Wine Blog Roll

La quarta edizione dell’Only Wine Festival si è appena conclusa e già si tirano le somme di un evento che non ha eguali a livello nazionale e che, di anno in anno, ha saputo crescere e sviluppare quello slancio che è e deve essere insito nel concept della manifestazione che più di ogni altra offre un focus mirato e centrato su giovani vignaioli e piccole cantine italiane e, da quest’anno, anche straniere.

Vin de la Neu: ormai non credo esistano winelovers ed addetti ai lavori che non conoscano questa chicca enologica italiana voluta a creata dal giovane enologo Nicola Biasi. Al di là del pedigree e del palmares di Nicola, questo vino rappresenta una vera e propria scommessa con il territorio, con il clima e con chi – pochi data l’esigua tiratura di queste bottiglie – si ritroverà il Vin de la Neu nel proprio calice. Questo perché piantare un vigneto sperimentale in Val di Non e scegliere come varietale il Johanniter, vitigno ibrido resistente, non è proprio la scelta più “comune” e scontata per una realtà che produce e produrrà questo solo vino. Eppure l’impatto che la storia, l’esclusività ed ancor prima la qualità di questo vino stanno avendo da più che ragione al Nicola che ora come ora ha come obiettivo quello di raggiungere le 2000 bottiglie prodotte, per entrare a pieno regime. Vino che sa di quella valle, che sa di montagna, dall’erba alle mele, il tutto trasportato da un alito di vento fresco montano. Elegante e lieve come la neve, intenso come un raggio di sole che si specchia su di essa.

 

Autore: F.S.R.

Fonte: Wine Blog Roll

Link: http://www.wineblogroll.com/2017/04/only-wine-festival-2017-evento-vino.html?spref=fb